Cosa facciamo prima di dire Ciao? Il Corpo come messa in scena del Copione.

K. Cecilia Waldekranz-Piselli

Pubblicato su il Transactional Analysis Journal
January 1999 vol 29 no.1
Tradotto in italiano da
Cristina Dini

Articolo I.

Questo articolo esamina l’invito di Eric Berne a esplorare il nostro modo di dire Ciao! come mezzo per acquisire un’intuizione del copione. L’ipotesi principale è che una consapevolezza maggiore di come la persona si strutturi fisicamente ed emotivamente e si ponga in relazione con il suo ambiente, porti a una comprensione più profonda del suo copione e di come possa venire trasformato. A questo scopo viene offerto un excursus sugli approcci a orientamento corporeo, cui fa seguito una discussione teorica degli schemi affettivo-motori, della messa in scena e del copione ai suoi primi stadi. Di qui si passa a considerare nuovi interventi e tecniche a orientamento corporeo sulle difese corporee. Infine, vengono illustrate alcune implicazioni cliniche attraverso lo studio di un caso.

Questo articolo si basa su 4 premesse:

  1. Parte della struttura del copione, la sua esecuzione e manutenzione, si basano su modelli affettivo-motori inconsci che sono, per la maggior parte, difficili da riconoscere e verbalizzare. A volte, questi modelli differiscono dall’evidenza verbale, affettiva e comportamentale del Copione.La combinazione e l’interazione di credenze verbali e convinzioni affettivo-motori perpetua il Copione con le sue manifestazioni somatiche, verbali, affettive e comportamentali.
  2. La cura del copione può andare più in profondità cambiando, sviluppando, e/o modificando i modelli affettivo-motori.
  3. Come analisti transazionali, sviluppare una consapevolezza dei nostri schemi affettivo-motori e dei modelli respiratori ci aiuta a comprendere meglio il terzo tipo di processo cognitivo secondo Berne (1977), quello definito “processo primario subconscio” (p.2), e il quarto tipo di giudizio, ossia “ascoltare con il terzo orecchio” (Reik citato in BERNE, 1977, p. 3) o “ pensare con i muscoli” (p. 3). Questa consapevolezza aumenta la nostra capacità di scoprire e analizzare le tematiche contro-transferali.
  4. La nostra efficacia si accresce se usiamo un’ampia gamma di interventi di terapia corporea, come la ‘micro-espressione’ (Downing, 1995, p.95) e l’’esercizio della fisarmonica’ (Keleman, 1987), che riguardano non solo i blocchi energetici, ma anche la basilare e continua formazione dell’individuo e del suo relazionarsi, dagli stadi pre-verbali dell’infanzia fino al presente.

Il CIAO! di Berne

“Dire Ciao! correttamente significa vedere l’altro, esserne consapevoli in quanto fenomeno, manifestarsi a lui ed essere disponibili al suo manifestarsi”. (Berne, 1972 p. 3-4). Fin da quando Berne scrisse questo, il compito primario in Analisi Transazionale è stato  quello di comprendere il contenuto e il processo della comunicazione verbale e non verbale. Di conseguenza, almeno per quanto riguarda la corrente principale dell’Analisi Transazionale, è stata rivolta meno attenzione ai processi fisici che sottendono il nostro modo di dire Ciao!. Ma se vogliamo capire perché, come sostiene Berne, bisogna prima chiederci: “Come diciamo Ciao?” (p.3, corsivo nostro). La questione verte attorno a come si struttura fisicamente l’esperienza dell’incontrare l’altro e del rapportarsi a un’altra persona. I resoconti degli interventi terapeutici di Berne erano tutti verbali. Il suo metodo procede per osservazioni di tipo cognitivo e affettivo, mentre la consapevolezza dei processi corporei del cliente è poco evidenziata. Berne osservava la postura, i gesti e gli atteggiamenti fisici, che definì “segnali di copione”; egli però non prendeva in considerazione il processo corporeo inconscio che spiega come instauriamo una relazione con gli altri e con l’ambiente, relazione che determina l’esito della comunicazione. Nel mio lavoro, la psicoterapia si incentra sui processi dinamici, piuttosto che sulla postura e sui gesti (segnali di copione) che sono conseguenza di quei processi.
Per esempio, se una persona è convinta che l’ambiente sia ostile, si prepara fisicamente a mettere in scena un Copione che inviterà e rinforzerà l’ostilità. Ossia, crea l’atmosfera appropriata (dentro e intorno a sé) per incontrare quella ostilità. Sia la convinzione che la preparazione fisica possono essere completamente inconsce. Dall’interno del copione predisporrà la scena per fare nuove esperienze da integrare con le vecchie, cosicché l’esperienza e le sue conseguenze possano essere previste e controllate.

Il mio lavoro con i pazienti mira ad aiutarli a scoprire come salutare gli altri, come incontrali, con una mente aperta. Ciò implica che il corpo sia pronto a vivere un nuovo incontro, e aperto ai sentimenti e alle sensazioni adeguate al momento presente. E’ ciò che si definisce Autonomia, ossia la capacità di relazionarsi nel qui ed ora con consapevolezza, intimità e  spontaneità. Secondo Berne, questo è il senso del salutarsi e relazionarsi con gli altri al di fuori del Copione. In seguito, Erskine (1980) ha definito la guarigione dal Copione come “una serie di cambiamenti del comportamento interno ed esterno, dei processi cognitivi, dei vissuti emotivi e delle limitazioni fisiche strutturate nel corpo” (p. 102, corsivo nostro).

Per esplorare il processo di come e perché diciamo Ciao, dobbiamo tornare agli inizi della psicanalisi e della psicoterapia corporea, e a cosa gli autori dell’Analisi Transazionale hanno detto e fatto. La recente ricerca sull’Infanzia (Stern 1985), la nuova ricerca sulle emozioni (Downing, 1999; Ekman & Davidson, 1994; Tagney & Fischer, 1995), e il moderno concetto filosofico della mente incarnata (Damasio, 1994; Merleau-Ponty, 1962, 1964) illumina e aggiunge profondità ai concetti analitico-transazionali di “Copione” e “comunicazione non verbale”. L’integrazione di queste idee porta a implicazioni cliniche e alla considerazione di nuove tecniche che saranno illustrate, in questo articolo, dallo studio di un caso.

Divergenze da Freud e Reich

Il “corpo” sul quale Sigmund Freud e Wilhelm Reich costruirono le loro teorie, tecniche e interventi non era molto più che un contenitore deperibile delle più alte funzioni della mente, delle emozioni e della creatività. Alla fine del XIX secolo era ancora diffuso il massaggio come terapia delle malattie nervose. La psicoanalisi nacque quando Freud notò che la signora Emmy von N., sottoposta a trattamento ipnotico, cominciò ad associare liberamente mentre riceveva un massaggio. Freud (Freud & Breuer, 1895/1974) scrisse: “La sua conversazione durante il massaggio non era casuale come poteva apparire. Al contrario, conteneva una riproduzione fedele e completa di ricordi e di nuove impressioni affiorate nel corso del nostro ultimo colloquio, e spesso conduceva, in una maniera quasi inaspettata, alle reminiscenze patogene che ella confida senza esserne stata richiesta” (p. 112).

Il primo psicoterapeuta corporeo fu George Groddeck (1933/1949), anche se è meglio conosciuto per la sua teoria dell’ Es. Prima di conoscere Freud e le sue teorie, praticava un tipo di massaggio profondo simile al Rolfing (Rolf, 1977). In seguito a quell’incontro, egli non abbandonò l’approccio corporeo, ma vide nelle libere associazioni un complemento al massaggio utile per accedere all’inconscio e all’Es. Con le parole di Groddeck (1977): “Durante il trattamento io mi affido alla mia testa e alle mie mani” (p. 1). George Downing (1995) riporta alcune delle scoperte più importanti di Groddeck, aggiungendo che esistono tre tipi di difese corporee: contromobilizzazione, contrazioni muscolari croniche, e diminuzione del respiro. Groddeck scoprì, inoltre, che le difese corporee rinforzano le resistenze psicologiche e che il passato preedipico e preverbale è molto importante. Di conseguenza, egli incoraggiò i suoi pazienti a esplorare il rapporto con la madre; fu inoltre il primo psicoanalista a sottolineare l’importanza del riconoscere ed elaborare il transfert negativo. Secondo Groddeck (1923/1966), uno degli scopi della terapia dovrebbe essere quello di portare alla luce eventi importanti del passato preverbale.

Groddeck divenne amico intimo di Sandor Ferenczi, sul quale esercitò una forte influenza. Ferenczi abbandonò la sua iniziale concezione negativa del corpo come problematico e fuorviante in psicoanalisi, per considerarlo la fonte da cui poteva essere attinto un passato spesso doloroso e traumatico. Egli notò che i suoi pazienti avevano occasionalmente episodi regressivi prolungati, accompagnati da angoscia, e si avvicinò molto a trovare una chiave con la quale intervenire terapeuticamente su queste regressioni, anche se non arrivò mai a lavorare direttamente sul corpo del paziente. Il diario clinico di Sandor Ferenczi (1932/1985) resta degli scritti più importanti sulla regressione. Anche Reich subì l’influenza di Groddeck (che forse non incontrò mai di persona, nonché di Ferenczi, Paul Schilder e Rudolf Laban (Sharaf, 1983). Ferenczi divenne amico intimo e sostenitore di Reich per tutta la vita. Schilder è noto per il suo studio innovativo in psicologia, L’Immagine e l’Apparire del Corpo Umano (1923/1986). Egli studiò le percezioni corporee dei suoi pazienti psichiatrici e l’impatto che la relazione primaria con la madre aveva avuto su di esse. Supervisore di Reich nel corso del suo training viennese, esercitò su di lui una forte influenza. Più tardi Reich si trasferì a Berlino, che negli anni ’30 vedeva un grande interesse per il corpo e la nascita di un movimento di “discipline corporee” come la respirazione, il rilassamento, e altro. Laban, ballerino e coreografo, era uno dei tanti a seguire questo percorso. Le teorie e i metodi da lui sviluppati miravano a liberare la naturale espressione del corpo. Reich conobbe Elsa Linderberg (con la quale convisse per sei anni), ballerina e allieva di Laban, al Staatsoper di Berlino. Reich attinse al lavoro di Groddeck e Ferenczi, ma fu anche fortemente influenzato da Laban, orientandosi verso una nuova direzione. Il suo obiettivo principale divenne quello di liberare i pazienti delle inibizioni somatiche perché potessero esprimersi con naturalezza.

La teoria reichiana della dinamica dei blocchi emozionali, e l’importanza della libera espressione delle emozioni, è divenuta una dei fondamenti della psicoterapia corporea. I suoi scritti sull’argomento hanno influenzato molti autori contemporanei nel settore. Nel corso della sua evoluzione teorica, spostò gradualmente l’attenzione dall’esplorazione dei ricordi motori precoci e del passato rispecchiato nel corpo al flusso energetico e ai blocchi dell’energia (Downing, 1995; Sharaf, 1983). Ritengo però che il lavoro iniziale di Reich sulla corazza caratteriale abbia più da offrire agli analisti transazionali delle sue teorie successive.

Alexander Lowen, allievo di Reich, sviluppò nuove tecniche e teorie, fra le quali il concetto di “grounding” (Lowen, 1967, p. 162, 267-268), che si riferisce alla postura verticale della persona. Stare nella posizione di grounding significa essere radicato nella realtà. Lowen si interessò più alla fase edipica, quando il bambino comincia a stare sui propri piedi. Questa idea ha avuto un ampio e importante impatto sulla psicoterapia corporea.

Perché è importante riesaminare gli inizi della psicoanalisi e della psicoterapia corporea? Perché queste idee generali sono state utilizzate in molti modi diversi e occorre quindi mettere a fuoco ed estrapolare da questi studi quegli aspetti che contribuiscono alla nostra comprensione, come teorici dell’analisi transazionale, di come e perché le persone trans-agiscono.

Il Contributo di Berne

Cosa diciamo dopo aver detto Ciao è qualcosa che decidiamo e che proviamo nel nostro copione; come salutare è una questione che riguarda il modo di organizzare al livello corporeo la scena per il copione.
Berne sottolineò l’importanza dei primi due anni di vita nella formulazione del copione: “il primo programma di copione si struttura durante il periodo dell’allattamento, sotto forma di brevi protocolli che possono, più tardi, essere trasformati in drammi complessi. Di solito queste scene riguardano il neonato e la madre” (Berne, 1972, p. 83, corsivo nostro). Berne (1961) parlò del copione come di “un derivato preconscio del protocollo” (p. 117). In “Ciao!”…E poi? , (Berne, 1972) affermò che i primi due anni costituiscono lo scheletro del copione (p. 98). Affermò, inoltre, citando Kempf (1921, p. 23), che in un certo senso noi pensiamo con i nostri muscoli (Berne 1977, p. 3). Questo modo di conoscere qualcosa senza sapere come lo conosciamo prende in seguito un’importante funzione di valutazione della realtà. “Sulla base di quali dati gli esseri umani costituiscono la loro valutazione della realtà?” è la complessa domanda alla quale Berne tentava di rispondere. Aggiunse in seguito: “Per valutazione intendiamo un’immagine della realtà che incide su comportamenti e sentimenti nei confronti della realtà stessa. Un’ immagine è formata dall’integrazione fra l’area sensoriale e altre impressioni con le tensioni interne basate sui bisogni presenti e le esperienze passate” (p. 5). In questa discussione, Berne si centrò sulle capacità della mente, ma, forse inconsciamente, tese a separare queste esperienze dal loro contesto somatico. In altre parole, egli elaborò la sua teoria della valutazione senza esaminare come strutturiamo a livello corporeo un’immagine della realtà sulla quale formuliamo una valutazione – che potrebbe essere un’altra immagine (valutazione preverbale) o una valutazione verbale –sulla base della quale agire.

Quando, più tardi, Berne parlò dell’aspetto somatico del copione, lo fece in termini di prodotti o segnali di copione. Per esempio, un bambino si protende verso la madre, ma spesso trova che lei si ritrae. Per lenire la sofferenza di questo rifiuto, il piccolo reprime il suo impulso corporeo, contraendo le braccia e le spalle. Se questa situazione si ripete spesso, diventerà ciò che Berne (1972) definisce un “segnale di copione” (p. 315, 317-320), un indizio corporeo che ci dice che questo comportamento è diventato una manifestazione del copione. La chiave è che l’esperienze infantile forma uno “scheletro”  (p. 98) o “protocollo” (p. 36) per il copione. IL modo in ciò accade (il processo corporeo) e le implicazioni per l’analisi e la terapia del copione non furono trattate da Berne. La questione somatica si riduce così alle manifestazioni del corpo e i segnali di copione sono considerati prodotti del copione.

Io credo che “scheletro” e “protocollo” siano metafore fuorvianti per descrivere la precoce formulazione  e il continuo sviluppo  del copione. Secondo Stern, (1985), lo sviluppo del Sé è un processo continuo dell’essere e del relazionarsi lungo l’arco della vita. Uno scheletro implica una struttura statica, senza vita, mentre il protocollo suggerisce qualcosa di scritto, chiaramente un prodotto verbale. Per entrare nel mondo del pensiero non verbale abbiamo bisogno di una metafora più adatta, che abbracci tutte le dimensioni della nostra conoscenza e organizzazione non verbale. La continua strutturazione corporea delle emozioni e percezioni può essere compresa e riconosciuta negli schemi affettivo-motori. Le nostre valutazioni e decisioni intuitive , il pensare con i muscoli, sono organizzati in schemi affettivo-motori (Downing, 1995). Questi schemi mettono in scena e creano il palcoscenico, la giusta atmosfera, i colori ed il suono perché il copione si ripeta.

Come in una rappresentazione, secondo Berne, il copione è recitato su un palcoscenico. Ed è per questo che il nostro modo di salutare, la nostra recita del copione, si basa su come la scena è preparata. Questa struttura in continuo cambiamento, che è sia processo che prodotto, è quello che io chiamo “la messa in scena del copione”.
Berne non elaborò come diciamo Ciao!. Un motivo potrebbe essere che se da una parte si ribellava alla psicoanalisi, dall’altra le rimaneva legato. Concetti quali “pulsione” ed “energia” erano comunemente accettati per spiegare il comportamento umano, e il corpo era visto in modo meccanicistico. All’epoca, inoltre, la prima relazione – la relazione madre-figlio – non era ancora stata studiata come avvenne in seguito. Berne e gli altri psicoanalisti erano limitati nel loro pensare allo sviluppo del bambino da teorie basate sui rapporti degli adulti, sulle esperienze soggettive dei pazienti nel corso dell’analisi e come le esperienze infantili influenzassero il soggetto nel qui ed ora. Berne (1972) arrivò a dire che “pochissime persone possono ricordare qualcosa di questo periodo, che in molti casi è il più importante, così deve essere ricostruito con l’aiuto di genitori, parenti, bambinaie e pediatri, congetture fatte sui sogni, e forse l’album di famiglia” (pp. 98/99, corsivo nostro). In altre parole, per quanto “importante”, non c’era modo, secondo Berne, di capire lo sviluppo preverbale del bambino. Di conseguenza, non c’era una teoria per spiegare il processo reciproco tra madre e figlio di percepire ed essere percepiti o l’intero campo degli affetti e movimenti che costituisce la diade madre-figlio, e nessuna tecnica che riveli le esperienze soggettive del bambino.

Ciò nonostante, Berne (1977), nei suoi scritti sull’intuizione e la valutazione, si avvicinò a quello che oggi conosciamo meglio: la comprensione preverbale. Trattò ampiamente le valutazioni primarie non verbali e la comunicazione latente per capire come percepiamo e formuliamo diagnosi sui pazienti, ma non fece il collegamento con il corpo dal quale costituiamo la nostra esperienza e con il suo lavoro successivo sul copione.
Spitz (1965), che influenzò fortemente Berne, intuì ciò che più tardi la ricerca mostrò essere vero – che il corpo gioca un ruolo essenziale nella costruzione del senso di sé  e delle relazioni umane. Si domandò come possiamo spiegare cosa accade nel bambino e nella diade tra il bambino e sua madre. Se il bambino o la bambina si adattano ai desideri della madre, questi devono prima essere percepiti. In che modo il bambino percepisce se stesso e la madre? Come crea un’immagine di sé?

La nuova tecnologia ha aperto la strada a nuove osservazioni e ipotesi riguardo al mondo soggettivo e affettivo del neonato, che, in parte, mette in discussione la ricerca precedente. I nuovi studi sul neonato hanno contribuito a una diversa comprensione su cosa costituisca uno sviluppo normale – come si sviluppi il senso di sé – e hanno elaborato le teorie di Piaget sulla strutturazione cognitiva dell’individuo includendo l’organizzazione delle emozioni.
Malgrado questi importanti sviluppi nella ricerca, abbiamo solo iniziato a comprendere questo processo. Esplorare la percezione del neonato della sua vita sociale è problematico tanto quanto interrogarsi circa la genesi dell’universo. L’interesse di Stern non è diretto allo sviluppo dell’Io o del Sé o alle pulsioni, ma alla formazione e al mantenimento del senso di sé. Pensando in termini analitico-transazionali, potremmo dire che le nostre convinzioni più profonde riguardanti il nostro “essere”, risiedono in ciò che Stern(1985) definisce il “Sé emergente”(p.51-81) o “Sé nucleare(p.113-136)”. Sono questi, a mio avviso, i luoghi dove nascono le nostre posizioni esistenziali(Berne,1972,p.85; Ernst,1971): è qui che formiamo fisicamente il sentimento che noi siamo OK o l’altro è OK, o viceversa. ‘Io sono OK – Tu sei OK’ è “qualcosa a cui si accede durante i primi momenti di vita o, per contro, al prezzo di un duro lavoro; non ci si può arrivare per un semplice atto di volontà”( Berne,1972,p.86) In altre parole, le nostre convinzioni più profonde sono create e ricreate dal corpo.

Inoltre, la recente e importante scoperta della percezione amodale, ovvero la capacità del neonato di “tradurre” una percezione, ad esempio, dal campo visivo a quello cinestesico, ci consente di inferire che questa sia una capacità innata. Il fatto che il bambino tenda a completare le proprie esperienze costituisce anche una conferma alla teoria della Gestalt.

Un altro concetto importante sviluppato da Stern (1985) è quello degli “affetti vitali” (pp.66-74)( ‘fluido’, ‘esplosivo’, ‘riposando’, ‘crescendo’, ‘rallentando’),  che egli differenzia dagli affetti ‘categoriali’ (triste, contento, arrabbiato o preoccupato). Gli  affetti vitali sono sempre presenti. Essi fanno parte di come la madre cambia i pannolini o come prende il figlio tra le braccia. Il bambino è immerso in questi affetti che colorano e danno luce alla relazione: è come se egli avesse una percezione affettiva e fisica del campo intersoggettivo tra se stesso e la madre. Questa ‘intercorporeità’ (Merleau-Ponty,1962) illumina di luce nuova la diade madre-figlio.

Secondo Stern, il bambino possiede fin dalla nascita un Sé emergente nella relazione e con esso la capacità di relazionarsi ad un’altra persona fin dal principio. E’ questo senso del Sé che gli permette di incontrare l’altro e di relazionarsi all’altro. Ci troviamo di fronte, quindi, a un neonato molto competente. Comprendere la Gestalt che si forma con l’altro e percepirsi come un corpo tra due corpi distinti, è qualcosa che rimane un compito per  tutta la vita. Il comportamento autistico, quando si produce, è dunque patologico e anormale nello sviluppo del bambino. (Su questo punto, Stern è in disaccordo con Margaret Mahler(Mahler, Pine & Bergman,1975), che suggeriscono che ci sia una fase autistica  nello sviluppo di ogni bambino.) Secondo Stern, il nucleo del senso del Sé è un Sé preverbale, un vissuto cinestesico che differisce dall’esperienza autoriflessiva successiva.

Il dualismo di corpo e mente è un’altra ragione per cui Berne non ha elaborato il ‘come’ diciamo Ciao! (Berne,1972). Egli parlava di “detriti nella nostra testa”((p.4), ossia esperienze antiche e ricordi che contaminano l’Adulto e formano l’ostacolo maggiore da superare per uscire dal copione. Come se in effetti i “detriti” esistessero solo nella nostra testa. Il pensiero da solo non ci aiuterà a sgombrare la nostra esistenza dai detriti, a meno che non consideriamo il pensiero come un processo sia verbale che non verbale. Berne non disponeva di un modello adeguato di ciò che oggi si definisce ‘mente incarnata’ o ‘corpo mentale’ (Damasio,1994; Downing,1995,1999; Tangney& Fischer, 1995) Malgrado gli enormi passi compiuti dalla ricerca, questo concetto non è ancora universalmente accettato in psicologia, in neurologia, nella teoria delle emozioni e in filosofia. Merleau-Ponty (1962,1964) offre un’ analisi estesa di questo concetto. In “ Emotion theory reconsidered” Downing (1999) ha sottolineato l’importanza del corpo nella teoria delle  emozioni.

Un ultimo motivo per cui Berne non trattò il “come” ci salutiamo fu certamente la convenzione psicoanalitica di evitare ogni forma di contatto fisico con il paziente. Una volta stabilita l’alleanza terapeutica, una stretta di mano era tutto ciò che Berne poteva permettersi. Pur riconoscendo l’importanza del contatto fisico per la crescita del bambino (ha sviluppato la teoria delle carezze, che considera i vari segni di riconoscimento bisogni primari) non credeva possibile intervenire al livello corporeo per modificare la personalità. Le tecniche d’intervento e i segni di riconoscimento erano puramente verbali. Se da una parte è vero che un consistente lavoro terapeutico al livello corporeo può essere svolto senza toccare direttamente il paziente, è altrettanto vero che il contatto stimola la consapevolezza, facilita il superamento delle difese e fornisce sostegno (ciò’è la presenza cinestesica dell’altro).

Il corpo nell’A.T. contemporanea

Prima di procedere, può essere utile passare in rassegna alcuni aspetti del lavoro attuale di altri ricercatori in A.T. In Analisi Transazionale consideriamo  il nostro essere fisico come una parte integrante della nostra esistenza. I teorici di  A.T. Integrativa considerano la terapia corporea come un’importante strumento per la cura del copione, facendo un notevole passo avanti rispetto all’approccio berniano classico. Berne, senza dubbio, avrebbe inviato i pazienti per cui avesse ritenuto indicato un lavoro corporeo a un corso di danza, a un gruppo di esercizi bioenergetici o a un terapeuta reichiano. Il concetto  reichiano di corazza caratteriale (1975,1980) è attualmente accolto da alcuni analisti transazionali quali Steere(1985), Cassius(1977), Erskine(1980;Erskine & Moursound, 1988), Cornell(1975) e Lenhardt(1984), che ne hanno fatto una teoria del copione, sia come copione corporeo (Cassius, 1977; Lenhardt, 1984; Ligabue, 1991) e come segnali di  copione (Berne,1972; Cassius, 1977; Steere, 1985). Questi clinici utilizzano anche la teoria e le tecniche della bioenergetica.

Steere(1985), ad esempio, ha illustrato il comportamento non verbale e le sue radici come schemi sensomotori in un suo articolo sul protocollo. Qui egli propone l’idea che “la struttura essenziale del protocollo si manifesta in maniera osservabile in uno schema di comportamenti corporei che riappaiono in una sequenza stabile come  segnali di  copione”(p.250). Questo concetto, che trova origine già in Piaget (1952,1954), lascia pensare che lo stato dell’Io Bambino conserva delle sequenze che risalgono alla prima infanzia sotto forma di schemi sensorio-motori. Questi schemi vengono  rinforzati e costituiscono quello che Berne(1972) ha chiamato “protocollo”(p.36). Questo protocollo  è modificato e rinforzato dalla comprensione verbale  del bambino dal momento in cui il bambino inizia a parlare fino ai cinque o sei anni di età, formando così il Copione nello stato dell’Io Bambino.

Alcuni autori transazionali, tra cui Child-Gowell(1975), Erskine(1980),Erskine & Moursound(1988), Cornell e Olio(1992), Lammers(1992) e Ligabue(1991) hanno elaborato questi concetti di base, ai fini di una migliore comprensione e per variare le applicazioni terapeutiche. I loro obiettivi non si riducono alla catarsi ma includono la consapevolezza e, in seguito, hanno elaborato alcune tecniche in questa prospettiva.

Ligabue(1991) propone di concentrarsi meno sulla catarsi ed “esplorare per mezzo del corpo la congruenza fra le percezioni, i sentimenti e le azioni” (p.27).Cornell e Olio(1992) hanno fornito un contributo ricco e interessante sull’utilizzo del contatto e di altri interventi in un loro articolo sulle vittime di abuso e maltrattamenti nell’infanzia: “l’obiettivo terapeutico centrale è l’integrazione dell’affetto e della cognizione”(p.141). Le tecniche corporee aumentano la consapevolezza, offrono sostegno e facilitano l’espressione.

Lammers(1992) è stato il primo autore a considerare le risposte cinestesiche del terapeuta. Ciò introduce una questione a proposito della quale potremmo e dovremmo dire molto di più, ossia l’importanza della consapevolezza del contro-transfert fisico, le possibili interpretazioni e gli interventi connessi. In questo campo il contributo di Erskine e Trautmann (1996) è fondamentale, in quanto mette in luce l’importanza dell’investigazione, del coinvolgimento e della sintonia col paziente allo scopo di recepire indici non verbali quali il ritmo e l’umore, ciò che Stern(1985) chiamava  gli affetti vitali: “Il senso di Sè e la stima di Sé emergono dal contatto-in-relazione”(Erskine & Trautmann,1996,p.317).

Oggi quindi si nota una tendenza a considerare il protocollo, il corpo e la terapia corporea in maniera diversa. C’è stato un cambiamento nell’area di osservazione e nel tipo di intervento.

Sfortunatamente, gli schemi  psicomotori non sono in genere osservabili e si fondano non soltanto sugli schemi sensorio-motori ma anche su quelli affettivo-motori. Capire questo comporta una modifica della teoria e della prassi in quanto si tratta di andare al di là dei segnali di copione, che sono comportamenti corporei osservabili. Ma come è possibile studiare qualcosa che non è osservabile? Occorre un cambiamento metodologico. Per comprendere gli schemi psicomotori dobbiamo considerare gli schemi affettivo-motori nella strutturazione della percezione, dell’emozione, del sentimento e dell’azione. All’interno del concetto degli schemi affettivo-motori, la dimensione dell’’altro’ è presente fin dall’inizio. Di questo dirò più avanti.

Attualmente, la corrente principale dell’approccio transazionale centrato sul corpo si ispira alle tecniche di intervento neo-reichiane o bioenergetiche. Tale approccio consente un lavoro terapeutico valido e interessante, ma presenta anche alcuni limiti significativi:

In questi approcci, il corpo diviene facilmente un oggetto della terapia, a discapito della sua dimensione soggettiva.

  1. Questi approcci sono centrati soprattutto sul risultato – vale a dire su ciò che è osservabile, e sui segnali corporei come prodotti – così facendo, si perde quello che non è osservabile, cioè il processo di strutturazione.
  2. La teoria energetica non ci consente un’accurata comprensione di come ci relazioniamo  con l’altro. A mio avviso, distinguere l’intenzionalità dietro l’espressione fisica, apparente o nascosta, costituisce il centro d’interesse principale per un terapeuta analitico transazionale.
  3. Ritengo che il cambiamento del flusso di energia o della vitalità sia un obiettivo limitato, mentre la ristrutturazione fisica della nostra relazione con il mondo sia più coerente con la teoria analitico- transazionale dell’autonomia.
  4. Queste tecniche non sono utilizzabili con tutti i pazienti, in particolar modo non sono applicabili a quelli che ne avrebbero più bisogno. Cornell e Olio(1992) hanno insistito sul fatto che il terapeuta deve fare attenzione a non utilizzare prematuramente le tecniche espressive. Il paziente potrebbe sentirsi sopraffatto, rafforzare le sue difese o abbandonare improvvisamente la terapia.
  5. Le difese che si presentano sono, per la maggior parte, un’ipo- o iper-tonicità muscolare, anche se ve ne sono molte altre da tenere in considerazione.

Superare questi limiti è attualmente il nostro obiettivo.

Una nuova concettualizzazione del copione nelle prime fasi: difese corporee  e implicazioni cliniche

Gli schemi affettivo-motori: Inizialmente, il modo in cui il bambino crea il suo mondo interiore o le sue relazioni col mondo esterno è un processo fisico. E’ attraverso gli schemi sensoriomotori (Lammers, 1992; Ligabue 1991; Steere 1985) e gli schemi affettivo-motori (Downing, 1995; Wrangsjo & Downing, 1987) che il bambino struttura il senso di sé e degli altri. In altre parole, il bambino inizia a capire e organizzare la sua esistenza nel mondo attraverso il corpo.

Osservando il bambino possiamo capire più facilmente cosa si intende per mente incarnata. Sara, a tre mesi, si anima particolarmente quando ha fame, e sua madre le porge il seno. Possiamo vedere come si protende verso la mammella con gli occhi, le mani, le braccia e la bocca. Succhiando, Sara si rilassa e si immerge nel calore del contatto con sua madre, mentre i morsi della fame si calmano. Lo sguardo si fonde con quello della madre , escludendo il resto del mondo. Il suo corpo registra l’evento e se ne serve per creare un’immagine di sé e di sua madre che le permetterà di prevedere il futuro. (Questo è il modo in cui mia madre mi nutre, questi sono i miei sentimenti e le mie sensazioni, questa è l’atmosfera e questo il modo in cui mia madre mi guarda,ed  è così che mi sento quando lei mi guarda, ecc..) Non c’è nessun dualismo fra mente-corpo in questa scena. Questo tipo di strutturazione fisica e orientamento di sé predomina nella primissima infanzia e, in modo sottile, rimane un processo attivo per tutta la vita. Uno schema affettivo-motori è l’organizzazione dell’esperienza, i suoi affetti (affetti vitali ed emozioni), reazioni e risposte fisiche. Gli schemi affettivo-motori sono i mattoni con cui si costruisce il senso del sé fin dall’esperienza infantile, e serviranno a strutturare l’esperienza futura. Per esempio, vediamo che quando Sara ha avuto un contatto sufficiente con la madre, gira la testa. Quando ha di nuovo fame, cerca il seno con la bocca. Presto inizierà a prevedere le risposte della madre e comincerà ad adattarsi, a ribellarsi, o entrambe le cose. In ogni caso, è a questo punto che inizia la danza fra le due. Nel corso di questo scambio continuo, mentre mangia, mentre le vengono cambiati i pannolini, mentre viene rassicurata e così via, Sara sviluppa il senso di sé e del mondo circostante. La sua capacità di rapportarsi al mondo e le sue risorse crescono a partire da queste esperienze.

Man mano che le capacità fisiche del bambino aumentano, si sviluppano nuovi movimenti e nuove espressioni dei propri affetti. Così, la prima espressione aggressiva di un bambino è quella di girare la testa, irrigidirsi o chiudere gli occhi. In seguito comincerà a mordere e sputare, e più tardi ancora a calciare e picchiare. Gli schemi affettivo-motori si sviluppano in un modo simile alle RIGs “rappresentazioni d’interazione che sono state generalizzate” di Stern(1985). Gli schemi affettivo-motori comprendono sia le reazioni affettive e fisiche alla relazione madre-bambino che la creazione delle stesse.
Gli schemi affettivo–motori  si sviluppano in tre modi:

  1. Sviluppo sano: Ad esempio, se qualcuno si avvicina troppo e appare minaccioso, il bambino reagisce fisicamente, spingendo via e rifiutando l’intruso, difendendosi.
  2. Sotto-sviluppo: Il bambino che  non si protende verso l’altro forse non sa come farlo. Questo arresto nello sviluppo è il risultato di una mancanza di sintonia. In seguito, il mantenimento di questo processo inconscio potrebbe consolidarsi in una difesa.
  3. Sviluppo deformante, che li trasforma direttamente in difesa

Dato che i nostri primi pensieri e valutazioni si costruiscono su schemi affettivo-motori che sono rilevanti  per il copione, suggerisco di chiamare l’organizzazione di uno schema affettivo-motorio “convinzione primitiva del copione” o “credenza primitiva del copione”. Le credenze affettivo-motori sono, pertanto, gli strumenti attraverso i quali il corpo prepara la scena per il copione. “Sembra che le valutazioni più importanti che gli esseri umani formulano gli uni sugli altri siano il prodotto di processi preverbali- di cognizione senza insight – che funzionano quasi automaticamente al di sotto del livello della coscienza”(Berne,1977p.35).

La preparazione della scena: Il bambino elabora le sue interpretazioni delle sensazioni interne e degli stimoli esterni, interpretando le sue reazioni a tali sensazioni e stimoli, e le organizza in schemi  sensorio-motori e in schemi affettivo-motori. Queste convinzioni primitive, essendo credenze somatiche, organizzano la scena per il copione; in seguito, insieme alle credenze verbali, formulano e rinforzano il copione. La maggior parte delle attività fisiche di questo tipo si sviluppa in maniera inconscia, e in assenza talvolta di strumenti adeguati per potervi riflettere. E’ così che, sottilmente, prepariamo fisicamente la scena sulla quale reciteremo il nostro dramma quotidiano. Potrei invitarti a partecipare al mio dramma, o rifiutarti, senza averne nessuna coscienza. Potrei respirare in un certo modo o disattivare una parte del mio corpo, permettermi di percepire selettivamente alcune cose ignorandone altre. Posso consentire fisicamente l’accesso ad alcune emozioni ed escluderne altre. In questo modo utilizzo il mio corpo per strutturare il mio mondo interno ed esterno.

Ora vorrei illustrare come le nostre convinzioni di copione si basino su una rete di credenze motorie e verbali, utilizzando l’esempio di Stewart (Stewart & Joines,1987) del bambino che tende le braccia verso la madre, e riferendomi al diagramma di Mellor (1980) sulle impasse di secondo e terzo ordine. Mettiamo che un bambino, Carlo, stia giocando sul pavimento. Il gioco occupa in quel momento il centro della sua attenzione. Entra sua madre. Carlo avverte contemporaneamente la presenza della madre e di un malessere fisico di qualche tipo. Con le braccia e con la voce, il bambino chiede l’attenzione della madre. Ma lei è molto occupata e si irrita. Dandogli un’occhiata spazientita, mette in mano al bambino un giocattolo. Per un attimo Carlo si lascia forse distrarre dal nuovo stimolo, ma ben presto chiede di nuovo l’attenzione della madre. Sempre più irritata dalle richieste che riceve, decide che il bambino è stanco, e lo mette a letto. Se si tratta di un episodio isolato, il bambino lo dimenticherà e in seguito riproverà a cercare l’attenzione della madre; ma se ciò accade regolarmente, egli registrerà l’episodio al livello fisico e cercherà di dargli un senso. Il modo di farlo è del tutto personale, e dipende dalla molteplicità delle caratteristiche individuali e dalla particolarità della relazione complessiva con la madre. Il bambino comincia comunque a prevedere il futuro a partire da questa esperienza. Carlo, trattiene il respiro, sbarra gli occhi e guarda fissamente. Contrae i muscoli dello stomaco e smette di muoversi. E’ impaurito dall’aggressività della madre. A questo punto, la sua rappresentazione dell’interazione potrebbe essere la seguente: “ Io gioco; tutto è tranquillo; vedo la mamma. Voglio che si occupi di me. Le tendo le braccia. Mamma sembra arrabbiata. Si prepara una tempesta: trattengo il  respiro; cerco di stare fermo il più possibile. Questo non è un buon posto dove stare”. I muscoli tesi dello stomaco e il respiro trattenuto possono diventare componenti di una credenza affettivo-motoria che, se potessimo verbalizzarla, suonerebbe: “Non dovrei essere qui”.

Definisco questa credenza motoria, che è una reazione allo sguardo corrucciato della madre (ingiunzione: ‘ Non esistere’ (Goulding&Goulding,1979)), una “convinzione primitiva (non verbale) del copione”. Se la scena si ripete, questa decisione sarà alla fine rinforzata trattenendo le braccia e non protendendosi più verso la madre, allo scopo di alleviare la disperazione. Il fatto di trattenere le braccia potrebbe, due anni più tardi, formare e sostenere la credenza verbale: ‘Non ho bisogno di nessuno’. In questo caso, l’interruzione del movimento delle braccia, il respiro trattenuto e la tensione dello stomaco sono difese dalle emozioni di disperazione e di paura. Queste difese rinforzano la posizione esistenziale, che potrebbe essere: ‘C’è qualcosa che non va in me’.
Il diagramma di Mellor(1980) sulle impasse di secondo e terzo grado permette di illustrare questo punto (fig. 1, pag. 17).

Impasse di primo grado
(G2 – B2)

Impasse di secondo grado
(G1 – B1)

Impasse di terzo grado
(G0 – B0)

Fig 1 Le impasses di 1°, 2° e 3° grado (Mellor,1980)
Impasse di 3° grado:
G0: ipotono delle braccia
G1: “Non tendere le braccia verso mamma! Tu non hai bisogno di nessuno”

A0: Respirazione flebile
A1: “Sarebbe meglio non essere qui. Non ho bisogno di nessuno!”

B0: Costrizione dello stomaco e della respirazione, tensione peri oculare
B1: Disperazione, paura; “Mamma non mi vuole, ma ho bisogno di lei! Ci deve essere qualcosa che non va in me!”

Secondo Groddeck(1933/1949), Ferenczi(1932/1985) e Reich(1975), le difese corporee agiscono in maniera simile alle difese psicologiche. Per esempio, se Carlo ha paura di essere rifiutato di nuovo, potrebbe non pensare più all’altro, né desiderarlo. Questo diniego potrebbe essere rinforzato da un ipotonia muscolare: diventare flaccido.
Se lavoriamo con il paziente su questo genere di diniego, senza intervenire sul corpo e sulla modalità con cui struttura questo meccanismo a livello fisico, rischiamo che il paziente si autorizzi a sentire il desiderio a livello razionale ma non a sentirlo autentico, come se non gli appartenesse veramente, fino a che non possa permettere alle braccia di sentire il desiderio e di protendersi verso l’altro. Al contrario, se lavoriamo esclusivamente sulla sua ipotonicità senza elaborarne le intenzioni – lo strutturarsi  di un certo tipo di relazione con un (intoccabile) altro – ci sfuggirà il contesto, il significato e quindi la comprensione verbale di questa difesa (quella che gli strutturalisti chiamano “narrativa” ( Loria,1995). In altre parole, perderemmo l’interezza del campo intersoggettivo (Mc Dougall,1989) rispetto alla quale l’ipotonicità era una reazione. Per dirlo con le parole di Berne(1977): “Sembrerebbe che verbalizzare la conoscenza sia cosa diversa dalla conoscenza stessa”(p.46). Potremmo anche chiederci se tale svalutazione non rischi di rafforzare sia la difesa  psicologica che quella motoria.

LE DIFESE CORPOREE

Esistono dieci tipi di difese corporee(Downing, 1995). Una delle più potenti è il “blocco respiratorio”. La respirazione, essenziale per ogni forma di vita, può venire compromessa a molteplici livelli: nell’inspirazione, nell’espirazione o in entrambe, a livello del petto e/o dell’addome; nel ritmo, nella fluidità, ecc. Per comprenderne la portata psicologica, immaginiamo un radar, uno strumento che ci aiuta a orientarci quando la vista non è più sufficiente: tanto più il contatto cinestesico con la respirazione si accresce, tanto più la consapevolezza del nostro processo interno e di ciò che accade nella relazione con l’altro migliorano. Soffocare il respiro comporterà perciò un impedimento del contatto, una riduzione della consapevolezza di sé e degli altri, e una diminuzione delle possibilità di sentire, relazionarsi, esistere e crescere.

Gli schemi affettivo-motori sottosviluppati o trasformati in maniera difensiva sono stati già menzionati, ma vorrei parlarne più approfonditamente. Gli schemi motori sottosviluppati sono arresti della crescita che agiscono in modo difensivo. Per esempio, la persona ignora i movimenti e i gesti che esprimono l’evitamento o che le sembrano inaccessibili o, più semplicemente, troppo difficili da eseguire. Negli schemi affettivo-motori difensivi, certi schemi motori sono esagerati o sovrautilizzati. Si immagini una donna che rifiuti l’intimità facendo slittare impercettibilmente, ma continuativamente, le mascelle in avanti in maniera aggressiva.

La contro-mobilitazione è un movimento che impedisce al movimento precedente di svilupparsi. Per esempio, si è tristi e sul punto di aprire la gola per piangere, ma invece di farlo si contrae la gola. Possiamo osservare facilmente ciò che ho descritto nel bambino, ma è quasi impossibile notarlo in un adulto. Il paziente deve imparare a sentire la contro-mobilitazione dall’interno. Questo meccanismo di difesa è di solito limitato a un gruppo di muscoli specifici.
La disattivazione funziona al contrario. Una donna si accorge, per esempio, che quando si sente minacciata dalla presenza fisica di un uomo, le braccia e le spalle sembrano senza vita, come se le venisse impedito di rifiutarlo. “Nella disattivazione, un segnale neurologico viene inviato ai muscoli corrispondenti, ‘dicendo’ loro di diminuire il tono anziché di aumentarlo.”(Downing,1995,p.187).

Bisogna anche menzionare l’ipotonia  cronica e l’ipertonia cronica. La prima è una disattivazione continua, statica,  di certi muscoli, come nell’esempio precedente dove il corpo di Carlo diventa flaccido. L’ipertonia cronica, o corazza, è la più nota fra le difese corporee. E’ un trattenere di tipo statico. La mascella, per esempio, è tesa in modo costante, in opposizione agli schemi motori che regolano il gesto di mordere. La natura statica di queste difese è nascosta alla consapevolezza.

L’evitamento cinestesico  è una difesa che intacca la coscienza dei movimenti corporei, delle sensazioni e delle emozioni, staccandoli quasi totalmente dalla coscienza.

L’iperconcentrazione cinestesica è meno frequente. Una parte del corpo è oggetto di un’iperconcentrazione cinestesica mentre il resto può essere oggetto di un evitamento cinestesico. Un atleta, ad esempio, può concentrarsi sull’allenamento del suo corpo, che è al centro della sua coscienza e della sua attenzione, ma tollera molto male l’accrescersi delle sensazioni interne. Analogamente, una persona che soffra di un costante mal di testa può ignorare tutte le altri parti che non fanno male. Ha soltanto consapevolezza del dolore.

Le distorsioni dell’immagine del corpo non rinforzano soltanto l’evitamento cinestesico, ma consentono anche di negare il fatto di non essere in contatto con sé. Questa difesa ha un carattere visuale. La persona percepisce il proprio corpo come se lo guardasse dall’esterno. Lo considera con gli occhi di qualcun altro, o come se lo vedesse di riflesso in uno specchio. Questa difesa protegge dalle paure primitive, come la paura della frammentazione(Lacan,1974) e la paura di una differenziazione corporea insufficiente.

In generale, queste difese reprimono o negano le sensazioni, le emozioni e le azioni che il copione rifiuta o ignora. Nel loro insieme contribuiscono a rendere il campo intersoggettivo e la possibilità di entrare in relazione più limitati e ripetitivi. In altri termini, ci impediscono di dire Ciao!, di avere una coscienza dell’altro in quanto fenomeno, di esistere per l’altro e di aprirci a ciò che l’altro  può essere per noi.

Il ruolo centrale delle difese corporee nel mantenimento delle convinzioni di copione ha conseguenze enormi sul piano clinico. Occorre elaborare interventi e tecniche che ci consentano di capire come costituire e riorganizzare la scena per permettere l’insorgere di nuove idee e decisioni.

Implicazioni cliniche. L’episodio di Carlo, impaurito dalla madre, potrebbe costituire il protocollo di un dramma di rifiuto. Una cosa che facciamo spesso in terapia è notare come si presentano il copione e i segnali di copione, ed esplorarne il senso, compreso l’impatto transferale su di noi. Se consideriamo il copione come un dramma di transfert (Berne,1961) dove la/il terapeuta e/o i membri del gruppo sono implicati, possiamo includere tra i segnali copionali importanti il controtransfert cinestesico.

Un altro tema da esplorare è il modo in cui il paziente adulto si forma fisicamente un’idea di sé come bambino deprivato dei suoi bisogni di relazionarsi. Come si apre o come si chiude il suo corpo verso se stesso e il suo reale bisogno degli altri?

Se ci concentriamo su altri aspetti del copione e li comprendiamo in modo nuovo, il modo di procedere della ridecisione appare sotto tutt’altra luce. L’obiettivo comprende tre aspetti: (a) consapevolezza di come il paziente struttura fisicamente le sue convinzioni; (b)smantellare questa strutturazione; e (c)riorganizzare una struttura fisica nuova della sua percezione di sé che includa sentimenti, immagini, sensazioni, movimenti e pensieri. In questa prospettiva, la ridecisione non consiste soltanto nel proclamare “Mi protenderò verso …”, ma sarà quel processo attraverso cui l’individuo potrà  disattivare l’antica percezione di sé, degli altri e della relazione per riorganizzare  se stesso  secondo le attuali percezioni della realtà vista da persona adulta. L’Adulto prende così il comando traendo giovamento dalle sue esperienze antiche (Bambino) e dagli stimoli esterni dati dal setting terapeutico (Genitore). Durante questo processo, il paziente vive e integra diversi livelli di coscienza. A volte potrà avere una preferenza per uno di questi livelli e trovare difficoltà a stabilire un contatto con gli altri e farli crescere. La/il terapeuta lo aiuta a prendere coscienza, a stabilire collegamenti e sviluppare pensieri, immagini, emozioni, sensazioni e movimenti. La ridecisione non è, quindi, un momento singolo di regressione, ma qualcosa a cui si lavora un poco in ogni seduta. In questo tipo di approccio corporeo, la maggior parte delle sedute si evolvono attraverso lo scambio verbale. La differenza sta nel rendere il corpo costante oggetto di attenzione e consapevolezza. La verbalizzazione è centrata nel corpo, dove le sensazioni fisiche e le percezioni cinestesiche trovano a loro volta parole. Il terapeuta lavora sul corpo sia con le mani che attraverso la parola, rimanendo cosciente del proprio contro-transfert cinestesico e utilizzandolo per comprendere ed elaborare la relazione transferale con il paziente.

UN CASO CLINICO

Quello che accade in una seduta mentre si lavora sul corpo dipende molto dall’atmosfera e dagli scambi fisici fra paziente e terapeuta. Le dimensioni dell’essere e della relazione sono in gioco tanto quanto la parola. Il corpo ha il suo linguaggio soggettivo che talvolta non si può tradurre in parole. Il terapeuta si apre a una comprensione non verbale dei propri movimenti, delle sensazioni, delle immagini e delle emozioni, insegnando al paziente a fare altrettanto; in seguito si aggiungono le parole. Nel corso di questo lavoro, i pazienti si esprimono spesso attraverso metafore, aprendo la porta al mondo simbolico. Quello che segue non è il resoconto integrale di una sola seduta, bensì la descrizione di alcuni interventi e tecniche che si riferiscono alla mia esperienza con una paziente lungo un certo arco di tempo.

La paziente, che chiamerò Ruth, e io abbiamo lavorato insieme per 15 mesi, tre anni fa.  Quando ci incontriamo ha vent’anni, e vive in casa con il padre, la madre e una sorella maggiore di lei di quattro anni; lavora in una mensa industriale. Si dice stressata e agitata senza sapere perché, dal momento che “ha tutto”, come le dice sempre suo padre. La sua respirazione è superficiale, parla rapidamente e tiene il suo corpo magro sotto stretto controllo: i suoi movimenti sono rigidi, il viso teso, le mascelle contratte, gli occhi spalancati. Ascoltandola, sento montare in me una rabbia non identificata e dico qualcosa come: “Mentre parli, mi dai la sensazione di essere arrabbiata per qualcosa, e che per qualche motivo non ne puoi parlare”. E’ sorpresa, ma si rende conto che è proprio così. “Sì”, risponde, “forse sono arrabbiata, ma non ho mai pensato a me come arrabbiata; perché dovrei esserlo?”. Parliamo della rabbia come emozione, di come viene vissuta all’interno della  sua famiglia e di quali sono i modi di esprimerla permessi. Ruth non si presenta alla seduta successiva.

Due mesi dopo ritorna. Ha perso sei chili perché vomita. Le è stata diagnosticata un’anoressia nervosa, soffre di amenorrea da mesi e il suo medico le ha detto di consultare uno psicoterapeuta. Ruth dice: “sono impaurita e confusa. Non ce la faccio più” Dice di aver perso il suo desiderio di vivere, sta chiusa in casa, non va più a lavorare, non vede i suoi amici o amiche e si sente disperata. “Chi sono?”, domanda, “come dovrei essere?”, poi aggiunge: “Non sapere più chi sono mi spaventa!”. Accetta di lavorare sulla  chiusura delle sue vie di fuga( Boyd,1986; Holloway,1973), nel suo caso suicidarsi vomitando (sono in contatto con il suo medico per questo). Il suo contratto terapeutico è di accettarsi e accettare la sua realtà, chiunque lei sia e qualunque cosa  senta. L’obiettivo concreto che si è assegnata in terapia è di riprendere la sua vita sociale.

Nel tentativo di piacere sempre agli altri, Ruth fugge continuamente da se stessa, dai suoi sentimenti e da suoi bisogni. Deve essere forte e perfetta: Queste sono le sue spinte. Le ingiunzioni più importanti sono: “Non essere come sei (ma come noi abbiamo bisogno che tu sia)”, “Non avere paura (nessuno ti sarà mai vicino per aiutarti)” e “Non essere arrabbiata (perché noi ti amiamo e tu hai tutto ciò che ti serve)”.

Utilizzo alcuni interventi esperienziali (Downing, 1995) per aiutarla a entrare in contatto con se stessa, cosa fondamentale per restare nel ‘qui ed ora ‘. La prossima volta che Ruth sarà in contatto con la sua rabbia, per esempio, potrei dire: Dove senti la rabbia nel tuo corpo?”(una domanda che per certi pazienti non rappresenta un problema, mentre per altri è un mistero assoluto). Potrò aggiungere: “come lo senti fisicamente?” e proseguire chiedendo: ” Di che cosa parla questa rabbia” oppure  “C’è un’immagine che può raffigurare questa emozione?”.
Un’altra domanda interessante, quando la paziente si abitua a mettersi in relazione con il  corpo è: “Come crei fisicamente questa emozione?” oppure “Come crei fisicamente questa immagine?”. Questo intervento potrebbe essere  seguito da un altro intervento a livello interno che si esprime nella domanda: “Ora, fallo ancora di più, esageralo un po’!”.Oppure “Lascia andare un po’ di più!”. E’ quella che viene chiamata ‘tecnica della fisarmonica’ (Keleman, 1987), che mette in rilievo il processo fisico di strutturazione del sentimento o dell’immagine, lo smonta e, infine, apre la strada a una nuova strutturazione.

Questa tecnica viene applicata continuamente, fermandoci a ogni tappa per esplorare le sensazioni, le immagini, i sentimenti e le intenzioni. Tale esercizio ha molteplici funzioni:

  • Far prendere consapevolezza alla paziente di come struttura la scena
  • Rinforzare il suo senso di capacità di impatto sull’ambiente ” (Stern, 1985) e il Sé nucleare;
  • Esplorare la possibilità di riorganizzare questa scena, lasciando emergere cose nuove e differenti;
  • Non spaventare i pazienti più disturbati e, per tutti gli altri, costituire un ponte rassicurante verso altri interventi corporei;
  • Permettere ai pazienti di restare seduti, alzarsi, o altro, secondo le preferenze del momento
  • Rendere possibile il lavoro corporeo senza contatto fisico tra terapeuta e paziente.

In altre parole, non ho bisogno di toccare Ruth durante questi interventi: restiamo tutte e due sedute e tutti i nostri scambi sono verbali. Si tratta in effetti di un processo di decontaminazione. Mettiamo in luce la struttura antica, con gli affetti che l’accompagnano, e permettiamo al nuovo di emergere. Una volta raggiunta la fase in cui è possibile l’organizzazione di una nuova struttura abbiamo decontaminato A0, A1 e A2.

Alcune sedute più tardi, Ruth è di nuovo in contatto con sua rabbia. Questa volta le dico: “Adesso sei in contatto con la tua rabbia. Immagina di stringere i pugni. Immaginalo soltanto!”. E’ tutto quello che può fare senza avere troppa paura. Downing (1995) chiama questa tecnica ‘micro-espressione’, uno strumento molto valido sia per i pazienti più gravi che per gli altri. Permettiamo l’accadere di un evento molto piccolo, che però è sufficiente a dare l’avvio alla riorganizzazione di uno schema affettivo-motori. Altri interventi potrebbero essere: “Immagina di aggrottare le sopracciglia” oppure “Dai un calcio a qualcosa”, o qualsiasi altra espressione che immaginiamo corrispondere alla sua collera. Per la tristezza, l’invito potrebbe essere: “Immagina che i tuoi occhi siano bagnati di lacrime”. Un esempio di micro-intervento meno direttivo potrebbe essere: “adesso che sei in contatto con la tua rabbia, immagina un movimento che potrebbe corrispondere a come ti senti”. La paziente potrebbe rispondere con ‘spingere’ o ‘sputare’; a questo punto occorre esplorare tali immagini: come viene vissuto questo gesto dalla paziente? Cos’altro le viene in mente? Le micro-espressioni sono la via d’accesso alla   deconfusione del Bambino (B0, B1 ed B2).

Fino a questo punto, ho lavorato col corpo di Ruth senza toccarla. A volte i miei interventi si incentrano sull’esperienza della respirazione, come ad esempio: “Ascolta il tuo respiro adesso, dove stai respirando?”, oppure: “Cosa succede al tuo respiro?”. Proseguo, poi, con interventi a livello interno come: “Ora respira col diaframma, e senti com’è”.

Ruth aumenta di peso. Cominciamo a parlare dei suoi rapporti con la famiglia, la sua matrice di copione, e di cosa la spinge a vomitare. Grazie all’elaborazione continua del transfert e degli aspetti contro-transferali, l’alleanza si è stabilita e diviene possibile parlare del passato. Possiamo affrontare un difficile passo: dopo averne parlato nel corso delle sedute precedenti, abbiamo deciso di trasferirci in un’altra stanza, dove si trova un materasso spesso e largo. Continuiamo a lavorare con il corpo in modo diverso: fino ad ora la modalità è stata sempre verbale. Ci prendiamo un tempo massimo di 10 minuti per dedicarci a questo tipo di lavoro. Il contratto è di sdraiarsi, respirare profondamente e fare attenzione a tutto quello che accade a livello corporeo.

Durante la prima seduta entriamo nell’altra stanza ed esploriamo semplicemente come si sente Ruth. Dopo dieci minuti, ritorniamo alla situazione precedente e continuiamo a parlare delle emozioni provate e delle loro implicazioni transferali.

All’inizio gli interventi sono tutti centrati sulla sperimentazione e sulle tensioni o micro-movimenti dell’addome, delle gambe, delle spalle, delle mascelle, degli occhi, ecc., senza dimenticare la respirazione. Dal momento in cui Ruth si è abituata alla nuova situazione, le suggerisco di mettere le mani sul petto, di premere e di sentire. Quando è a suo agio, le dico che metterò le mie mani sul suo petto, mentre lei metterà le sue sopra per guidarmi.
Questa è una tecnica di ristrutturazione che serve a sbloccare le contrazioni muscolari che impediscono la respirazione. Lascio a Ruth il controllo della pressione esercitata, in modo che mantenga un senso di reale autonomia. Inoltre è un modo per prepararla  a una fase successiva in cui lavoro direttamente sul suo corpo con le mie mani.

Nel corso delle prime sedute Ruth sperimenta una forte contrazione allo stomaco sotto le costole. Fa male. Le suggerisco di aprire un piccolo canale dentro, e di lasciare entrare un po’ d’aria nell’addome. Fare questo la spaventa, la getta quasi nel panico. La rassicuro ricordandole che è lei a decidere se farlo o no, con quale intensità e per quanto tempo. Le è difficile fare entrare qualsiasi cosa nel suo stomaco. Ma ben presto sentiamo un gorgoglio, un poco d’aria è entrata e Ruth si sente meglio. Questa esperienza si ripete nelle sedute successive. Ora è lei che mi chiede di premere sul suo addome quando ha bisogno di alleggerire la contrazione. E’ interessante osservare che, nella misura in cui la sua respirazione migliora e che il petto e l’addome si aprono, Ruth inizia a sbadigliare. E’ un movimento riflesso, un adattamento dei muscoli della gola. E’ facile cogliere l’importanza che questo può avere per la sua guarigione, in quanto i muscoli della gola sono implicati nell’atto di vomitare. Possiamo notare come un cambiamento in una parte del corpo conduce regolarmente al miglioramento in un’altra.

A proposito delle difese corporee, ho menzionato l’importanza del blocco respiratorio. Le tecniche respiratorie e l’attenzione alla respirazione sono essenziali per lavorare con questo tipo di difesa. Il caso di Ruth è un buon esempio; la sua respirazione era superficiale e la respirazione addominale non veniva consentita. Aprirsi, riorganizzando il pattern respiratorio, permette di entrare più profondamente in contatto con se stessi e con gli altri. Scoprire di avere una certa forza nell’espirare e che possiamo collegarla alla voce e ad altri movimenti, porta la persona ad ascoltarsi di più e a occuparsi meglio di sé.

Ruth ha bloccato quasi tutti i movimenti spontanei che si collegano all’espressione della rabbia. Questo tipo di difesa rientra nella tipologia degli schemi affettivo-motori sottosviluppati.
A questo punto dedichiamo parte del nostro lavoro corporeo alla scoperta dei movimenti che esprimono la rabbia. Esercizi come immaginare di stringere il pugno, stringerlo davvero, colpire il materasso con il pugno, ecc., sembrano a volte meccanici, ma Ruth arriva ben presto a sentire il coraggio di dare vita al movimento, cosa che per lei è molto gratificante.

Un giorno Ruth si presenta alla terapia dicendo che “va tutto bene”. Ciò nonostante avverto che sta succedendo qualcosa, e le dico che ho l’impressione che ci sia qualcosa che la preoccupa. Risponde che sì, in effetti si sente un po’” nervosa”. Si tratta di un problema transferale. Ruth proietta su di me un Genitore che si aspetta da lei che sia una brava bambina, che non dia problemi o noie di alcun tipo. Dopo una breve discussione di questo aspetto del transfert, decidiamo di affrontarlo attraverso il lavoro corporeo. Ruth si sdraia sul materasso. E’ la sua posizione preferita. (Di solito lascio ai pazienti la scelta di quale posizione assumere). Io mi siedo accanto a lei e la invito a respirare profondamente lasciando affiorare qualunque immagine, sentimento, sensazione o movimento che sia presente al momento. Il petto si espande con l’inspirazione, mentre l’addome si contrae. Dopo un po’ dice: “vedo il volto di mia madre. E’ preoccupata per il suo lavoro e la gestione della famiglia. Non sa come provvedere ai bisogni di tutti noi. Mi sento molto male, come se fosse colpa mia se lei è nei guai”.
Le domando: “Dici di sentirti male per questo. Cos’altro senti?”
“Che sono arrabbiata”, replica.
“Dove lo senti nel tuo corpo?” chiedo.
“Qui, proprio qui”, dice indicando lo stomaco, sotto le costole.
“Permettiti di sentirlo proprio lì”, proseguo, “e vedi com’è”.
“E’ così” e mostra il pugno chiuso, “Non voglio fare entrare l’aria nello stomaco. Mi contraggo e sento dolore”.
“Ora fallo un pochino di più, e permettiti di dargli voce”, suggerisco.
“Non voglio!”, dice, colpendo il materasso col pugno serrato. Lo ripete diverse volte, dicendo di no.  C’è forza nella sua voce e nel suo pugno.
“Va bene. Ora lascia entrare un po’ d’aria nello stomaco mentre inspiri. Io intanto premo sul tuo stomaco per aiutarti a rilassarlo. Va bene?”, propongo.

Ruth lascia che lentamente lo stomaco si apra e che l’aria entri. Il respiro diviene profondo. A ogni espirazione dà voce ai suoi sentimenti, esprimendo in diversi modi un ‘No’ alle esigenze non verbali di sua madre, muovendo anche le braccia e le gambe. Più il respiro è profondo, più le proteste hanno forza. Facciamo una pausa quando si sente stanca, e ci fermiamo quando è soddisfatta.

Ruth mi dice che ora sente tutto il suo corpo poggiare sul materasso. Quando si era sdraiata, le uniche parti che sentiva appoggiate erano i glutei. Si sentiva come se le sue gambe fossero sospese a mezz’aria. La sua antica soluzione all’impasse – ho bisogno di aiuto ma i bisogni della mamma vengono prima dei miei- era quella di allontanarsi dalla propria realtà e dai propri bisogni. Ora si sente tornata su un terreno solido, in contatto con la realtà di se stessa e dei suoi bisogni, e questo la fa sentire molto meglio. Ruth comunica anche che all’inizio della seduta provava dolore nella zona sopra gli occhi, ma che ora è sparito. Con il dolore, è svanita anche una specie di nebbia che le impediva di mettere a fuoco lo sguardo, di vedere la realtà.

Invito ora Ruth a sedersi e immaginare di parlare con sua madre. Ora esprime con chiarezza i suoi sentimenti e manifesta assertività nel dire alla madre di non potere e non volere risolvere i suoi problemi. Dopo alcune sedute come questa, Ruth è in grado di tracciare i propri confini e rifiutare varie forme di intrusione. Sente una crescente fiducia in se stessa e decide di permettersi di chiedere aiuto quando ne ha bisogno.

Un giorno Ruth mi comunica: “Ho deciso di vivere, e mi sento molto bene per questo!”. Nel giro di un anno ha acquistato un peso quasi normale. Il medico che ha seguito il progresso della terapia osserva che il corpo di Ruth si sta preparando a riavere le mestruazioni. Ruth ha ritrovato la sua femminilità: i seni, le cosce e i glutei sono più pieni. E’ cosciente di cosa la porta a vomitare, e gli episodi di vomito sono ormai rari. Ha ripreso la sua vita sociale, da diversi mesi lavora in un negozio. Ha idee precise circa il futuro. All’inizio del nostro rapporto diceva di non sapere come dare un senso alla sua vita. Forse si può intendere il cambiamento nel senso che, ora  che Ruth dispone di una scena ben strutturata  per il suo esistere e relazionarsi, sarà finalmente in grado di dare un senso alla sua vita.

Due anni più tardi aveva aperto un negozio di parrucchiera e si preparava a sposarsi. Come si può vedere, Ruth ha raggiunto il suo primo obiettivo- riprendere la sua vita sociale. Ha cambiato il suo schema affettivo-motori: paura, chiusura del respiro  e la convinzione “io non conto nulla, non devo provare quello che provo”. Questa convinzione affettivo-motoria appariva sostenuta dall’ingiunzione “non vedere quello che stai vedendo!”, strutturata al livello dei muscoli peri oculari. Rifacendoci al modello di Mellor (Mellor,1980) (fig 1 pag 17), possiamo descriverla come segue:

  • G0/ tensione intorno agli occhi = G1/ “Non credere a ciò che vedi”
  • A0/ respiro superficiale = A1/ “Non sono importante per gli altri, non devo provare quello che provo”
  • B0/ chiusura dello stomaco = B1/ paura, rabbia, disperazione

Il nuovo schema affettivo-motori si potrebbe descrivere come segue: “Ho paura, quindi respiro profondamente e pianto bene i piedi per terra. Ho il diritto di esistere. Posso provare quello che provo.”
Nel caso riportato, la “via di fuga” è di tipo motorio. Si trattava di un movimento muscolare “involontario” per vomitare, per difendere se stessa e i suoi confini, per sopravvivere. Inoltre, “morendo” non sarebbe stata più un peso per la sua famiglia. In seguito, Ruth aveva deciso che per soddisfare i propri bisogni doveva compiacere gli altri. (Devo aggiungere che molto lavoro è stato fatto in terapia per affrontare la sua svalutazione della paura e di altri sentimenti ed emozioni.)

In conclusione, vorrei ricapitolare le tecniche menzionate nel contesto dei miei interventi interni ed esterni. Per interventi ‘interni’ intendo quelli che partono da qualcosa che sta già avvenendo nel corpo del paziente e che si sviluppa a partire dalle mie indicazioni. Per interventi ‘esterni’, mi riferisco a stimoli che provengono dall’esterno, come ad esempio il suggerimento di provare ad eseguire un certo movimento.

Interventi interni:

  • Interventi esperienziali, tecniche verbali, micro-espressione, tecniche affettive (Downing,1995)
  • Alcuni esercizi di rimodellamento ripresi da Keleman (1987)
  • Esercizi di respirazione, come l’utilizzo del respiro come “radar” per esplorare e capire il corpo(Downing,1995).

Interventi esterni:

  • Tecniche respiratorie come la ristrutturazione della respirazione.Tecniche di ri-modellamento e di pressione (Downing, 1995).
  • Interventi di allineamento verticale del corpo.Interventi di rimodellamento( Feldenkrais,1949/1995).
  • Tecniche di bioenergetica, di grounding e tecniche espressive.( Lowen,1977)

Conclusioni

A. Ramificazioni ed implicazioni  per la teoria ed il trattamento in A.T.
In questo articolo propongo un nuovo concetto per la teoria e il trattamento del Copione: la messa in scena . L’idea è che il corpo, con i suoi schemi affettivo-motori, prepara la scena per il Copione. Il Copione si organizza attraverso una rete di convinzioni verbali e affettivo-motori. La messa in scena e la sua ripetizione è un processo che prosegue sottilmente lungo tutto l’arco della vita.

Le implicazioni di questo concetto per il trattamento sono:

  1. E’ importante essere consapevoli dei segnali di copione, ma occorre pensarli ed elaborarli come segnali somatici di un processo dotato di un’intenzione che dovrà essere scoperta, sviluppata e riorganizzata. Il modo in cui il paziente organizza il proprio copione fisicamente, il modo in cui prepara la scena, sarà il nuovo oggetto di esplorazione.
  2. Al centro viene posta l’esperienza  soggettiva del corpo. Il paziente ha un ruolo attivo nella scoperta del proprio modo di essere e di vivere il proprio corpo, e di come ciò influisce sulle modalità con cui si relaziona agli altri.
  3. In questo approccio, l’analisi sistematica del transfert e del contro-transfert gioca un ruolo importante.
  4. La ridecisione è considerata come un profondo e continuo processo di riorganizzazione del Copione, anziché come un episodio regressivo unico.
  5. Le nuove tecniche, come l’esperienza della fisarmonica e la micro-espressione, aiutano il paziente a riconoscere e riorganizzare i propri schemi affettivo-motori.
  6. Creare un ponte tra diversi livelli dell’esperienza – movimenti, sensazioni fisiche, emozioni, immagini e pensieri- aiuta il paziente a integrare e arricchire la propria esperienza di sé e del mondo.

B. Orientamenti per la ricerca in A.T.

  1. Innanzitutto ritengo necessario a livello teorico prendere in esame il concetto di energia. Cosa si intende esattamente per “energia libera”, “energia legata” ed “energia   slegata”? Ci sono altri concetti che potrebbero portarci a una migliore comprensione del nostro modo di funzionare, delle trasformazioni degli Stati dell’Io e delle nostre relazioni con gli altri?
  2. Un altro concetto da elaborare è quello di Bambino Libero o Bambino Naturale. Il Bambino Naturale è qualcosa di effettivamente esistente? E’ un assunto che ci permette di comprendere gli adattamenti della prima infanzia, o è solo fonte di confusione?
  3. Cosa intendiamo quando parliamo di “decisione” nella prima infanzia?
  4. Cosa intendiamo oggi per “intuizione”, e che importanza riveste in terapia?
  5. Come attingere e utilizzare al meglio le informazioni derivanti dal contro-transfert cinestesico?

Sono alcuni dei numerosi quesiti che a mio avviso andrebbero posti al centro di un futuro sviluppo della teoria e del trattamento nell’Analisi Transazionale.

Bibliografia

Berne,E. (1961). Transactional Analysis: A  Systematic Individual and Social Psychiatry. New York: Bantam Grove Press.
Berne, E. (1977). Intuition and Ego states.  San Fransisco; Transactional Publications,Transactional Analysis and Psychotherapy. New York: Grove Press (1961).
Berne, E. (1972). What do we say after we say hello? New York:Bantam Grove press.
Boyd, L. (1986). Closing Escape Hatches: Decisions for Healthy Living. Transactional Analysis Journal, 16, 247-   249.
Cartmel, G. (1992). Cognitive Dysfunction   and Psychosomatic Disease. Transactional Analysis Journal, 22, 174-181.
Childs, E., Gowell, R. N. (1975). Transactional Analysis And The Body: Sensory Stimulation Techniques. Transactional Analysis Journal, 5, 148-151.
Cornell, W. (1975). Wake up sleepy!Reichian Techniques and script interventions. Transactional Analysis Journal, 5,144-147.
Cornell, W. (1988). Life Script Theory: A   Critical Review From A Development Perspective. Transactional Analysis Journal, 18, 270-281.
Cornell, W., & Olio, K. (1992).             Consequences of childhood bodily abuse: Clinical model for affective interventions. Transactional Analysis    Journal,22,131-143.
Crossman, C., & Crossman, S. (1965). The Wild Analyst: The Life and Work of George Groddeck. New York: George Braziller. Downing, G. (1995).
The body and the word.   Rome: Astrolabio.
English, F. (1988). Whither Scripts? Transactional Analysis Journal, 18, 294-303.
Erskine, R.G., & Moursound, J. (1988). Integrative Psychotherapy in Action. California: SAGE, Pub. Inc.
Erskine, R. G., (1980). Script Cure: Behavioral, Intrapsychic and physiological. Transactional Analysis Journal, 10,     102-106.
Ferenczi, S., (1988). The Clinical Diary of Sandor Ferenczi. Cambridge: Harvard University Press.
Freud, S., & Breuer, J. (1974). Studies on Hysteria. London: Pelican Books.
Friedman, M., & Schmukler, D. (1992). The organizing Matrix in the Evolution of Script. Transactional Analysis Journal, 22, 82-88.
Goulding, M. M., & Goulding, R. L. (1979). Changing Lives Through Redecision Therapy. New York: Brunner/Mazel, Inc.
Groddeck, G. (1933). Exploring the unconscious. London: Vision Press.
Groddeck, G. (1977). The meaning of illness: Selected     Psychoanalytic Writings. London: Hogarth Press.
Holloway, W. (1973). Shut the Escape Hatch.  Monograph IV, pp.     15-18, Ohio: Midwest Institute for Human Understanding Inc.
Keleman, S. (1975). The Human Ground. California: Center Press.
Keleman, S. (1987). Embodying Experience. California: Center Press.
Kempf, E. J., (1921). The Autonomic Functions and the Personality. New York: Nervous and Mental Disease Publishing Company.
Kepner, J. (1987). Body Process. New York:   Gardner Press.
Lammers, W. (1992). Using the therapists kinesthetic responses as a therapeutic tool. Transactional Analysis Journal, 22, 216-221.
Lenhardt, V. (1984). Bioscript in E. Stern. TA: The state of the art. Dondrecht, Holland: Foris Publications.
Ligabue, S. (1991). The Somatic Component of the Script in Early Development. Transactional Analysis Journal, 21,21-29.
Lowen, A. (1967). The Betrayal of the Body. New York: Collier Books.
Lowen, A. (1977). The Way to Vibrant Health. New York: Harper Colophon Books.
Mahler, M., Pine, F., & Bergman, A. (1975). The Psychological Birth of the Human Infant. New York:Basic Books.
Mc Dougall, J. (1989).Theaters of the Body.  New York:W.W.Norton
Mellor, K. (1980). Impasses: a developmental and structural understanding. Transactional Analysis Journal, 10,213-220.
Moiso, C. (1985). Ego states and transference. Transactional Analysis Journal, 15, 194-201.
Novey, T., Porter-Steele, N., Gobes, L., & Massey, R.(1993). Ego States and the Self-  Concept: A panel presentation and discussion. Transactional Analysis          Journal, 23, 123-138.
Ogden, T. H. (1990). The Matrix of the Mind. New Jersey: Jason Aronson.
Reich, W. (1975). Early Writings, Vol. I.   New York: Orgon Institute Press.
Reich, W. (1980). Early Writings, Vol. II.  New York: Orgon Institute Press.
Rolf, I. (1977). Rolfing. Santa Monica: Dennis-Landman.
Sharaf, M. (1983). Fury on Earth: A Biography of Willhelm Reich. New York: St. Martin’s Press.
Schilder, P. (1986). Immagine di sé e schema corporeo. Milano: Angeli.
Spitz, R. (1965). The first year of Life: A  Psychoanalytic Study of Normal and Deviant Development of Object Relations. New York:  International Universities Press.
Steere, D. (1985). Protocol. Transactional Analysis Journal, 15, 248-259.
Stern, D. (1991). Diario di un bambino. Milano: Mondadori.
Stern, D. (1985). The interpersonal world of the infant. New York: Basic Books, Inc.
Stewart, I., & Joines, V. (1987). Transactional Analysis Today, Nottingham:  Lifespace.
Waldekranz, C. (1993) The body as the stagesetting for the script.Milano: Neopsiche nr 19.
Wrangsjo, B., & Downing, G. (1987). Kroppsorienterad psykoterapi Lund: Natur och Kultur.

Clicca qui per scaricare l’articolo in formato Pdf